BIOGRAPHY - Road Syndicate

Vai ai contenuti

BIOGRAPHY (ENG)

The meeting between Fabio and Lorenzo dates  back a long time ago when OUT, the band of which Lorenzo was the singer, opened the concert for the Enrico Capuano band, of which Fabio was the guitarist.
At the end of the evening, the post-concert chatter triggered the  musical spark between the two who immediately talked about doing some  music together.
The friendship remained but the two followed different musical paths.
Lorenzo continues to play with various bands in the capital, in rock and rhythm 'n blues formations such as Out, Johnny & the Gozzillas and Blues preachers.
Fabio follows his career as a guitarist, Sound Engineer and producer,  working on fifteen records in which he is credited, including those with  the singer-songwriter Alice Pelle (keyboardist of Belladonna and Alex Britti) and the folk-singer Enrico Capuano.

In the meantime two other characters, important for our history, move on the Roman music scene: Emiliano Laglia and Cristiano Ruggiero.
For Emiliano, the beginning of high school coincides with the encounter with Rock, Blues, Metal and, above all, with the bass.
A few years later, partly by chance and partly by the prophet of his tenor uncle, he also started a few bands as a singer. But the main tool remains the bass.
His vocal harmonies are more passionate with his voice, he will try to  introduce all his bands including those where they are not needed, and  that will bring him to Rai as a chorister in 1997 and in 2002, as if the  bands were not enough, in some companies of musicals that will also  allow him to come across a certain Fabio Lanciotti, not without having  missed a lot of recording activity, from the Akallabeth concept album of  the Archangel project together with the likes of Damian Wilson (Threshold) and Zack Stevens (Savatage), working on the double album Macbeth Rock Opera, transposition on CD of the work written by Fabio Caliandro.

After the draw of the school bands, Cristiano Ruggiero, begins to get  noticed in the Capitoline underground thanks to his militancy in the  band Alternative Post Scriptum, which publishes several singles and two  albums, produced by the Italian Simone Coen, one of the trusted technicians of the producer Bob Rock.
Cristiano soon became a professional drummer and, in addition to  carrying on teaching and session man activities, he was also very active  in the Roman H&H scene, he collaborated with several Roman bands  such as Evidence, Cosmofrog and Graal and in Rock Opera Macbeth , where  he meets the other half of the future rhythmic section of the Road  Syndicate Emiliano Laglia.
All these experiences lead Fabio, Cristiano and Emiliano to start a band, trying from time to time various singers.
In September 2018, Lorenzo has a fair amount of written songs but  without the right band to give his pieces the "right sound". At that point it is natural for him to sit down at the table with his  friend and speak frankly: "Ok Fabio, you Emiliano and Cristiano are  without a singer and songwriter and I need your sound, let's see what  happens?" Here is finally the "right sound":
A Hard Rock with strong references to the Blues. The sound of Kiss, Iron Maiden, AcDc and Deep Purple, merges with that  of Bruce Springsteen, Bon Jovi, Bob Seger and Rolling stones ... the  Sound of ROAD SYNDICATE

The band's activity was immediately characterized by a huge amount of  performances at various clubs in Rome and the Province, with flattering  feedback from the public and critics.
Sunday 16 February 2020, the Kill Joy, historic and important club in  Rome, which has bet so much on the Road Syndicate, hosted the Release Party of SMOKE, the band's first CD, entirely self-produced and edited in collaboration with Orange Park Records, Kill Joy Reloaded and Stirred Zone Agency.

Welcome to the Show!

BIOGRAFIA (ITA)

I Road Syndicate nascono dall’incontro tra Fabio e Lorenzo quando gli OUT, band di cui Lorenzo era il cantante, aprì il concerto per la band ‘Enrico Capuano’,  di cui Fabio era il chitarrista. A fine serata, birra e chiacchiere post concerto, fanno scoccare la scintilla musicale tra i due che iniziano subito a progettare qualcosa  insieme. Ma non è ancora il momento giusto… L’amicizia rimane, ma i due seguiranno percorsi musicali diversi.

Lorenzo continua a suonare con varie band della capitale, in formazioni rock e rhythm ‘n’ blues come gli Out, Johnny & the Gozzillas e Blues Preachers. Proprio con quest’ultimi condivide il palco con Tom “Bones” Malone, trombonista della Blues Brothers Band originale.
Fabio segue invece la sua carriera di chitarrista, Sound Engeneer e  produttore , lavorando ad una quindicina di dischi nei quali è accreditato, tra i quali con la cantautrice Alice Pelle (tastierista dei Belladonna e di Alex Britti) ed il folk-singer Enrico Capuano.
Nel frattempo altri progetti musicali portano ad incrociare le strade  con Emiliano Laglia e Cristiano Ruggiero (futuri bassista e batterista  dei Road Syndicate).

Emiliano è un appassionato di Rock, Blues e Metal. Nelle sue band oltre  che suonare il basso, suo strumento principale, spesso si diletta anche  come cantante (grazie all’influenza di suo zio tenore) dove sviluppa una  particolare attenzione per le armonie vocali.
Queste sue caratteristiche lo porteranno nel 1997 in Rai come corista, e  nel 2002 in alcune compagnie di musical che gli permetteranno anche di  imbattersi in Fabio Lanciotti. Non manca anche l’attività discografica,  dal concept album Akallabeth del progetto Archangel con artisti del  calibro di Damian Wilson (Threshold) e Zack Stevens (Savatage), al doppio album Macbeth Rock Opera, trasposizione su cd dell’opera scritta da Fabio Caliandro.  

Cristiano Ruggiero, batterista, inizia a farsi notare nell’underground  capitolino grazie alla sua militanza nella band Alternative Post  Scriptum. Pubblica diversi singoli e due album, prodotti dall’italo  americano Simone Coen, uno dei tecnici di fiducia del producer Bob Rock.
Cristiano diventa presto un batterista professionista e, oltre a portare  avanti da sempre l’attività didattica e quella di session man, è molto  attivo anche nella scena H&H romana, dove collabora con diverse band  romane come Evidence, Cosmofrog e Graal e nella Rock Opera Macbeth.
Proprio in quest’ultima incontra l’altra metà della futura sezione ritmica dei Road Syndicate, Emiliano Laglia.

Queste  esperienze in comune portano Fabio, Cristiano ed Emiliano a  mettere su una band, in cui  manca però ancora l’elemento fondamentale,  la voce!
Nel settembre del 2018, Lorenzo ha una discreta quantità di canzoni  scritte ma non ha ancora la band adatta a dare ai suoi pezzi il “sound  giusto”. A quel punto è una cosa naturale sedersi a tavolino con l’amico Fabio e  parlare francamente:  ”Ok, voi siete senza cantante e songwriter e a me piace il vostro sound,  vediamo che succede?” Nasce finalmente il “sound giusto”: Hard Rock con forti richiami al Blues.

Il suono di Kiss, Iron Maiden, Ac/Dc e Deep Purple, si fonde con  quello di Bruce Springsteen, Bon Jovi, Bob Seger e Rolling stones… è  lui, è il Sound dei ROAD SYNDICATE!

L’attività della band prende il via con un enorme mole di esibizioni,  presso diversi club di Roma e Provincia, con ottimi riscontri di  pubblico e critica.  Domenica 16 Febbraio 2020, il Kill Joy, storico e  importante club di Roma, scommette sui Road Syndicate! Ospita il Release  Party di SMOKE, primo CD della band, interamente autoprodotto ed edito  in collaborazione con Orange Park Records, Kill Joy Reloaded e Stirred Zone Agency.

  
La pandemia Covid ha interrotto la classica promozione, fatta di concerti in giro per la penisola e apparizioni nei festival, perciò il quartetto ha avuto l’idea di sfruttare il know how personale, in fatto di produzioni musicali e televisive, al servizio di un vero e proprio “Virtual Tour”, composto di show eseguiti in club forzatamete vuoti, in accordo – di volta in volta – con diverse web-radio  e webzine, che hanno ospitato le 4 dirette streaming.
SMOKE, nel frattempo, ha permesso alla band di avere una miriade di ottime recensioni e interviste, sia a livello nazionale che internazionale, soprattutto in America Latina.

 
Al termine di questa fase di promozione sperimentale, coronata dall’esaurimento della prima tiratura dell’album, si è unito alla band il chitarrista PierLuigi "Jonna" Coletta, da sempre amico del quartetto.
L’idea iniziale era di svincolare Cortoni dal ruolo di secondo chitarrista.
L’uscita, per motivi prettamente personali di Laglia, ha riportato   
Il combo alla classica line-up a quattro, con Coletta che, nel frattempo, ha assunto il ruolo di bassista.

 
Con questa nuova formazione i Road Syndicate hanno rodato nuovi brani in sede live, e poi hanno pubblicato il nuovo CD, “Vol II”, sempre edito in collaborazione con Orange Park Records, presentato il 14 Gennaio 2022 al Kill Joy, con diretta streaming dello show a cura di Alchemy Sound Web Radio.

Welcome to the Show!
Torna ai contenuti